È morto l’uomo dei segreti Fiat. E Fiat resta in silenzio

È morto l’uomo dei segreti Fiat. E Fiat resta in silenzio

Nelle vecchie storie del partito comunista sovietico, ai tempi di Stalin, si era soliti cancellare, a seconda della “purga” in atto, i nomi dei leader caduti in disgrazia. Come se non fossero, insomma, mai esistiti. Anche nella storia della Fiat, la già Fabbrica Italiana Automobili Torino, ora divenuta Fca, quella pratica è consueta, così come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.