È morto all’improvviso a soli 55 anni Alessandro Pansa, manager e figlio del giornalista Giampaolo. La notizia si è diffusa ieri sera, Pansa è stato colpito da un infarto improvviso da cui non si è più ripreso. Nato nel 1962, Alessandro Pansa si era laureato alla Bocconi e poi aveva iniziato una lunga carriera nella finanza, prima al Credito Italiano ed Euromobiliare poi aveva iniziato a occuparsi di finanza straordinaria con Vitale Borghesi & C. seguendo i principali gruppi italiani. Viene assunto dalla banca Lazard come managing director e, per conto del ministero del Tesoro, segue la quotazione di Finmeccanica il colosso pubblico della difesa dove andrà poi a lavorare nel 2001 come chief financial officer, responsabile della finanza. Dopo le vicende giudiziarie che colpiscono l’amministratore delegato Giuseppe Orsi, nel 2013 il Tesoro affida a lui la guida dell’azienda, rimane come Ad fino al 2014 quando Matteo Renzi gli preferisce Mauro Moretti. Uscito da Finmeccanica, Pansa è stato, tra l’altro, membro del cda della Feltrinelli e del Fondo strategico italiano oltreché professore alla Luiss.