Don Roberto, prete tra gli schiavi “niri”

Da bambino ho percorso il tratto di strada che collega Rosarno a Polistena (dove sono nato), a piedi con mia nonna Rosa che con un cesto di vimini in equilibrio sulla testa, attraversava gli agrumeti

Rosarno è uno svincolo dell’autostrada Salerno Reggio Calabria. È un non luogo, un cartello stradale per chi si addentra nella Piana di Gioia Tauro. Da bambino ho percorso il tratto di strada che collega Rosarno a Polistena (dove sono nato), a piedi assieme a mia nonna Rosa che con un cesto di vimini in equilibrio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.