“Dignità e indipendenza: siamo i nipotini di Castro”

“Dignità e indipendenza: siamo i nipotini di Castro”

Non si è mai vista Cuba così. Per 9 giorni nessuno ha aperto una Bucanero, la nostra cerveza; per le strade dell’Avana non si è sentito nemmeno cantare “Comandante Che Guevara” e nelle case da dove solitamente senti arrivare la sensuale musica di Enrique Iglesias è calato il silenzio. Non c’è stato un solo spettacolo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.