Di Maio china il capo. Beppe incorona in piazza Di Battista

Il leader chiede e ottiene la prova di unità. E per la prima volta il candidato in pectore è costretto alla seconda fila
Di Maio china il capo. Beppe incorona in piazza Di Battista

La piazza dell’orgoglio cinquestelle diviene insieme la piazza del perdono e anche delle scuse. Davanti al porto di Nettuno, nella città appena conquistata dal Movimento, Beppe Grillo conduce il direttorio a sfilare, spiegare, scusarsi e naturalmente attaccare. È intestata a Maria Goretti, la santa del perdono, la piazza che si affolla di militanti convocati all’ultima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.