Detenuti “in fuga” dalle carceri grazie ai permessi premio. “Pochi agenti per controllare”

Detenuti “in fuga” dalle carceri grazie ai permessi premio. “Pochi agenti per controllare”

Non ha fatto rientro in carcere al termine del suo permesso premio di dieci giorni. È successo domenica, a pochi giorni di distanza dalle evasioni di due “detenuti giovani-adulti” (un 19enne e un 18enne) evasi dal carcere minorile Ferrante Aporti di Torino: anche loro erano usciti dalla struttura grazie a un permesso premio, ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.