Dai fratelli Lumière al digitale sempre alla ricerca del gorilla

“La storia del cinema” è il racconto della volontà costante di innovazione, come la sorpresa di Stanlio e Ollio nel vedere apparire l’animale sul ponte tibetano
Dai fratelli Lumière al digitale sempre alla ricerca del gorilla

Alla fine del libro, Mark Cousins, autore, critico e produttore, piazza la metafora del “gorilla”. Stanlio e Ollio sono intenti a trasportare un pianoforte su un ponte tibetano, ma la voglia del regista di scatenare sorpresa e curiosità li fa imbattere in un gorilla. La storia narrata in questo libro, edito per la prima volta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.