Da Twitter a Dundar: il lungo bavaglio dell’autocrate asiatico

La censura dei social network per le proteste di Gezi Park poi le vendette contro i giornalisti per gli scoop sulla Siria
Da Twitter a Dundar: il lungo bavaglio dell’autocrate asiatico

Era il 20 marzo 2014, Erdogan stava arringando una folla oceanica a Bursa. Dal palco, nella città che fu la prima Capitale ottomana, si scagliò contro i social: “Sradicheremo Twitter. Non importa quello che dirà la comunità internazionale. Vedranno la forza della Turchia”. Detto, fatto. Il giorno successivo l’accesso a Twitter era bloccato. E quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.