» Politica
giovedì 12/01/2017

Cyber security, la riforma mancata che ci lascia indifesi

Palazzo Chigi - Questa estate l’ultimo tentativo (fallito) di Minniti
Cyber security, la riforma mancata che ci lascia indifesi

Ormai è troppo tardi per prevenire. L’ultimo tentativo lo aveva fatto, in estate, l’allora sottosegretario all’Interno Marco Minniti, oggi promosso ministro: per la cyber sicurezza italiana serve una struttura unica e coordinata, altrimenti il Paese è vulnerabile. Dopo quasi un anno di tentativi, l’allora presidente del Consiglio Renzi si era dovuto arrendere: non c’erano le […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Il gioco della sicurezza nazionale

Politica

Marchino, il Cantone del deep web

Il Pd è allergico ai concorsi. Colata di assunti a Pompei
Politica
regole lasche

Il Pd è allergico ai concorsi. Colata di assunti a Pompei

di
Ma questo è un suicidio di Stato
Politica
Il Commento

Ma questo è un suicidio di Stato

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×