Cyber security, la riforma mancata che ci lascia indifesi

Palazzo Chigi - Questa estate l’ultimo tentativo (fallito) di Minniti
Cyber security, la riforma mancata che ci lascia indifesi

Ormai è troppo tardi per prevenire. L’ultimo tentativo lo aveva fatto, in estate, l’allora sottosegretario all’Interno Marco Minniti, oggi promosso ministro: per la cyber sicurezza italiana serve una struttura unica e coordinata, altrimenti il Paese è vulnerabile. Dopo quasi un anno di tentativi, l’allora presidente del Consiglio Renzi si era dovuto arrendere: non c’erano le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.