Corsico, Assane Diallo ucciso per 5 euro. Il killer: “Non mi pento”

Un’esecuzione spietata, di fronte a una richiesta esigua di denaro: cinque euro. È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso per Fabrizio Butà, 47 anni, il killer di Assane Diallo, il buttafuori senegalese freddato sabato notte a Corsico, nel Milanese con dieci colpi di pistola, sei dei quali in faccia. “Non mi pento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.