“Contro rom e stranieri, le case agli italiani”. I fascisti nelle periferie

“Roma ai romani” - Resistono agli sfratti, occupano alloggi, il leader rischia la sorveglianza speciale
“Contro rom e stranieri, le case agli italiani”. I fascisti nelle periferie

Cupi simboli che ritornano. Mani alzate con le dita che imitano un revolver, al grido di “lotta armata”. L’inno di “Terza posizione”, organizzazione terroristica di destra dei primi anni 80, cantato in faccia alla polizia. E un tour capillare nelle periferie romane con i temi classici della destra neofascista: guerra ai profughi, lotta per la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.