Conte, tonto ma innocente: truccavano a sua insaputa

Il Ct della Nazionale assolto dall’accusa di frode sportiva. Ha allenato trenta giocatori squalificati per calcio scommesse, ma non si mai è accorto di nulla

Ha vinto Conte: non era un allenatore disonesto, era solo un po’ pigro e molto, molto tonto. Eh sì: i calciatori che allenava, prima a Bari e poi a Siena, gli vendevano le partite sotto il naso ma lui non si accorgeva mai di niente. Antonio Conte era così, una specie di vispa Teresa che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.