Condannati dal governo a sperare nella precarietà

I ricercatori sull’ambiente occupano la sede da 20 giorni: con la riforma della Pa credevano nell’assunzione, ma coi tagli del ministero rischiano di perdere anche il posto a termine
Condannati dal governo a sperare nella precarietà

Se in generale il decreto Madia non è sufficiente, da solo, a garantire la stabilizzazione dei precari negli enti di ricerca italiani, nel caso dell’Ispra tale provvedimento non sta bastando nemmeno a evitare i licenziamenti. All’Istituto statale per la protezione ambientale, infatti, rischiano di andare a casa un centinaio di addetti con contratto a termine. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.