» Politica
lunedì 01/05/2017

Com’era verde (ma non tanto) la valle di lacrime delle primarie

Volute dal prodiano Arturo Parisi nel 2005 per scegliere il leader della coalizione di centrosinistra, le elezioni “interne” del Pd sono diventate un rito stanco e clandestino. Si avvera la cupa profezia di Giovanni Sartori buonanima: “All’inizio sono salutari, poi prevalgono correntismo e capibastone”. È finita proprio così
Com’era verde (ma non tanto) la valle di lacrime delle primarie

Chissà cosa sarebbe successo nella storia politica degli ultimi anni, se nel 2009 l’allora responsabile degli esteri del Pd Piero Fassino non avesse liquidato come “inopportuna e provocatoria” la scelta di Beppe Grillo di candidarsi a segretario dem alle primarie di quell’anno. Il fondatore del grillismo fu respinto e la corsa per la guida del […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

S’accontenta di poco: fare la minoranza

Politica

Ong, Salvini usa il Copasir per incastrare il governo

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto
Politica
A bordo 66 passeggeri

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto

Politica
La moglie: “M’ha aggredito”

De Falco: “Mai violento, accuse denigranti”

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori
Politica
Valanghe e fuoripista

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio
Politica
I 100 punti del programma

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×