Chi non muore si risiede

Dal 19 giugno eravamo in pensiero per Piero Fassino: trombato alle Comunali di Torino, per la prima volta in vita sua rischiava di trovarsi col culetto scoperto e di prendere freddo, il che alla sua età non è mai bello. Basta un niente, una corrente d’aria, un colpo di vento, una botta di condizionatore e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.