Castelvetrano, altri arresti nella corte di Messina Denaro ma il superboss resta latitante

Castelvetrano, altri arresti nella corte di Messina Denaro ma il superboss resta latitante

Le tracce di Matteo Messina Denaro si perdono oltreoceano, ma la sua latitanza viene finanziata nel più tradizionale dei modi, truccando le gare di appalto del Comune della ‘sua’ Castelvetrano. Un imprenditore, Rosario Firenze, e il suo faccendiere, Salvatore Sciacca, sono finiti in carcere, due funzionari comunali perquisiti e altri due fratelli di Firenze indagati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.