Carminati: sono solo un fascista. Ma poi si tradisce: decidevo io

Mafia Capitale, il “Nero” minimizza il suo ruolo: “Io nei Servizi? Pure Minniti dice no, senza di me sarebbe un processo ridicolo”. E la giudice lo incalza sul suo “potere”
Carminati: sono solo un fascista. Ma poi si tradisce: decidevo io

Il colpo di scena in otto ore di monologo, degno di Giorgio Almirante per lunghezza e “tenuta”, arriva quando Massimo Carminati – a processo con l’accusa di essere il capo di Mafia capitale – si fa sfuggire: “La onlus Piccoli passi non poteva essere il luogo per riunioni segrete di associazioni mafiose… non lo avrei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.