Cari poveri, ridateci gli 80 euro: la nuova “giustizia sociale”

Alla vigilia del referendum di dicembre, un conoscente confidò a chi scrive che avrebbe votato Sì pur non sapendo nulla del contenuto dell’imprescindibile riforma dell’architettura costituzionale. “Ho avuto gli 80 euro e a me fanno comodo”. Non che ci fossero dubbi: l’epocale manovra di “redistribuzione” voluta dal fu premier e fu segretario Renzi aveva scopi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.