Cagliari, l’apartheid per i bimbi stranieri

Cagliari, l’apartheid per i bimbi stranieri

Bagni separati. Li ha riservati una scuola di Cagliari a due piccoli migranti, senza genitori, iscritti quest’anno in quinta elementare. Bambini, ma stranieri. E per questo finiti in cima ai sospetti degli adulti: le famiglie dei loro compagni che hanno già chiesto e ottenuto due incontri – uno di classe, l’altro d’istituto – con i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.