Botte al pentito “protetto”. De Raho: “Un fatto gravissimo”

Botte al pentito “protetto”. De Raho: “Un fatto gravissimo”

Doveva essere un “fantasma”, la sua identità e la casa segreta assegnatagli dallo Stato rimanere nascosta, ma qualcosa non ha funzionato nel meccanismo di protezione. Poco più di un mese fa, il 18 aprile, in pieno giorno e a volto scoperto, tre uomini lo hanno bloccato e picchiato brutalmente per non farlo parlare. E prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.