Boris Johnson, l’istrione anti-Ue balla sul baratro

Esponente delle élite, talentuoso predestinato ma dopo le provocazioni non si è mai preso le responsabilità
Boris Johnson, l’istrione anti-Ue balla sul baratro

È il primo pomeriggio di ieri quando Boris Johnson si dimette da ministro degli Esteri, in polemica con il piano della May sui rapporti con l’Unione europea post-Brexit. BoJo lo aveva approvato venerdì, salvo poi definirlo “una merda ripulita”. E nella lunga lettera di dimissione parla della sua idea di Regno Unito “come economia globale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.