Bimillenario di Ovidio, si celebra tutto tranne il suo apporto a musica e arte

Dalla fine del Seicento al secolo scorso, drammi, opere, pitture e sculture hanno attinto dal poeta latino
Bimillenario di Ovidio, si celebra tutto tranne il suo apporto a musica e arte

Da’ fortunati campi, ove immortali / Godonsi all’ombra de’ frondosi Mirti / I graditi del ciel felici spirti / Mostromi in questa notte a voi mortali. / Quel mi son’io che su la dotta lira / Cantai le fiamme de’ celesti amanti / E i trasformati lor varii sembianti / Soave sì, ch’il mondo ancor […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.