“Basta prigione, vogliamo la scuola”

Altro che hotspot - Il centro di identificazione di Ragusa ospita ormai quasi solo minori
“Basta prigione, vogliamo la scuola”

Vogliamo uscire da questa prigione e andare a scuola”. È uno dei tanti cartelli appesi all’interno dell’hot spot di Pozzallo, uno dei centri di identificazione messi a punto dall’Italia in accordo con l’Ue per far fronte all’emergenza sbarchi. Peccato che la struttura del Ragusano si è trasformata in un centro di detenzione per minori non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.