“Auschwitz, non è umano chi ci gioca o lo permette”

Lo sconcerto delle presidenti delle Comunità israelitiche e d'Italia e di Roma
“Auschwitz, non è umano chi ci gioca o lo permette”

Auschwitz non è solo un luogo sacro per gli ebrei. È il cimitero dell’umanità, è il punto dove l’umanità ha incontrato il baratro e ha toccato il suo punto più basso. Anche solo pensare di poter giocare ad Auschwitz è inconcepibile”. A dirlo è Ruth Dureghello, presidentessa della Comunità ebraica di Roma riferendosi alla presenza, nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.