Assange, i giorni della verità tra Onu e stupro

Londra, La Procura svedese interroga il fondatore di Wikileaks per decidere se processarlo
Assange, i giorni della verità tra Onu e stupro

Se esco di qui mi arrestano – ha detto Julian Assange alla vigilia degli interrogatori, l’altroieri e ieri, del procuratore svedese Ingrid Isgren – eppure l’Onu ha stabilito che la mia vicenda giudiziaria è illegale e l’Ecuador mi ritiene un perseguitato politico”. Di tutt’altro avviso l’avvocato Elisabeth Massi Fritz, che a suo tempo rilasciò al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.