Amianto, perché si può riprocessare l’ex ad di Eternit

Il 21 luglio la Corte costituzionale ha depositato una sentenza importante; non tanto sotto il profilo giuridico, piuttosto ovvio, ma per la rilevanza del processo su cui va a incidere, ossia le morti conseguenti alla dispersione di polveri in amianto, oggetto del cosiddetto processo “Eternit bis”. Il primo processo aveva contestato agli imputati, ora ridotti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.