Affari idrici e investimenti

Affari idrici e investimenti

Il referendum del 2011 voleva sottrarre la gestione dell’acqua pubblica alle regole di mercato, limitando la remunerazione degli investimenti. Ma già nell’agosto del 2011 il governo Berlusconi riproponeva la stessa legge abrogata, poi cancellata dalla Corte costituzionale. Il governo Renzi, con il decreto “Sblocca Italia” del 2014, indica l’obiettivo nella concentrazione dei servizi pubblici locali nelle mani […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.