» Politica
sabato 01/10/2016

Roma, Virginia Raggi: “A Roma fanno sparire i faldoni. Io voglio intorno gente fidata”

Virginia Raggi - Garantista con Muraro, riconoscente a Sammarco, benedetta da Grillo: ecco i suoi primi cento giorni

Un morso a un gelato, lo sguardo alla tv: “Scrivono sempre caos giunta, anche oggi che abbiamo i due assessori”. Bar del Campidoglio, ore 18: la sindaca di Roma Virginia Raggi fa una pausa dopo la riunione di giunta. Maglietta senza maniche, pantaloni a sbuffo e tacchi, appare di buon umore. Racconta del fantasma di un frate che si aggirerebbe per le stanze del Comune. “Alemanno chiamò una squadra di acchiappafantasmi per scacciarlo…”. Da ieri mattina i siti spargono una sua foto sul tetto del Campidoglio. Le ha scattate un fotografo portoghese in vacanza. E lei conferma: “Ci vado spesso, lo facevo anche quando ero all’opposizione. La vista è bellissima e mi serve per prendere aria”. Anzi, rilancia: “Vi ci porto”. E così, si toglie le scarpe e sale su, fino al piccolo orto improvvisato dai dipendenti. E tra basilico, pomodori e origano dice: “L’intervista facciamola qui”.

Dopo un mese avete un assessore al Bilancio, Andrea Mazzillo. È il responsabile per l’attuazione del programma, lavora con voi da anni: non potevate nominarlo prima? Pare un ripiego.

Non è così. Lo abbiamo scelto perché ha le competenze che servono: è un esperto di finanza locale, docente a contratto all’università di Tor Vergata. Ed è iscritto da anni al M5s: condivide i nostri metodi e i nostri obiettivi.

Avete perso un mese.

No, in questo lasso di tempo abbiamo costruito una squadra per il Bilancio: ci siamo concentrati sulle seconde file.

Nemmeno Mazzillo è un nome altisonante. Non volevate avere a che fare con un’altra personalità forte come Marcello Minenna, l’ex assessore al Bilancio?

Minenna aveva sicuramente una personalità molto determinata, ma non era una caratteristica negativa. Con Mazzillo abbiamo semplicemente preferito un compagno di strada, competente.

Salvatore Tutino ha dovuto declinare per colpa della guerra interna al M5s.

Era solo una delle persone che avevamo esaminato.

Il nuovo assessore alle Partecipate è l’imprenditore veneto Massimo Colomban. Glielo ha suggerito Davide Casaleggio?

Il suo nome è arrivato dall’interno del M5s. Ci ha colpito per la voglia di lavorare in squadra e la sua visione uguale alla nostra.

Nella scelta quanto ha contato Milano?

I colloqui li abbiamo fatti qui, con il vicesindaco Frongia e i consiglieri comunali.

Mazzillo si era candidato per la lista Veltroni, Colomban per il leghista Luca Zaia. Un vecchio principio del M5s è non ricorrere a persone con un passato in altri partiti. Per lei non vale?

Siamo di destra o di sinistra allora? Mumble, mumble…

Scelga lei, il tema rimane.

Innanzitutto, la regola vale per chi si sia candidato contro il Movimento. E comunque né Mazzillo né Colomban sono stati mai eletti.

Però…

La competenza dei due e la loro condivisione dei nostri obiettivi vale più di tutto.

Vale anche per l’assessore all’Ambiente Paola Muraro? È indagata per due reati, ma è ancora al suo posto.

Vale quello che abbiamo sempre detto: aspettiamo di leggere le carte, e poi non faremo sconti a nessuno.

Non potevate subito rivelare che la Muraro era indagata, invece di tacerlo aggrappandovi al fatto che non avesse ricevuto un avviso di garanzia?

Alla luce di quanto accaduto dopo, direi di sì. Scegliemmo di aspettare perché prima volevamo capire esattamente per cosa fosse indagata.


Sta di fatto Muraro è ancora al suo posto.

Da quanto mi risulta, ad oggi non ha ancora ricevuto un avviso di garanzia. Non voglio esprimere un giudizio adesso. Ricordo che i pm in Italia hanno l’obbligo di esercitare l’azione penale. Poi è il gip a decidere per l’archiviazione o per il rinvio a giudizio. Se escludessimo qualcuno ogni volta che viene indagato non sarebbe corretto. Può succedere a chiunque.

Eppure per anni i 5Stelle hanno chiesto la testa degli indagati.

Noi italiani veniamo da una storia difficile, dove tanti condannati hanno deciso della nostra sorte. Corrotti che hanno fatto leggi contro la corruzione. È pieno di conflitti di interessi.

Non è in conflitto di interesse anche un assessore all’Ambiente indagato per reati ambientali?

Aspettiamo le carte.

Il garantismo è un valore?

Sì, l’articolo 27 della Carta (“L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva”) bilancia l’obbligatorietà dell’azione penale.

Torniamo alle incombenze del Comune. Entro il 31 ottobre dovete rinnovare tutte le nomine dei dirigenti. Come farete?

Procederemo all’interpello: tutti verranno chiamati, e potranno dire in quale dipartimento preferiscono lavorare. Verranno premiati merito e competenze. Lo abbiamo fatto anche per le posizioni organizzative, ossia per i super-funzionari scaduti nel ruolo. Entro metà ottobre verrà lanciato un bando per 500 persone. E questo ha suscitato qualche mal di pancia: non abbiamo prorogato nessuno nell’incarico.

La macchina del Comune vi ha posto o vi pone ostacoli?

Nei Municipi sono spariti subito dei faldoni, delle carte. Me lo hanno detto i nostri presidenti.

E in Campidoglio? Altre sparizioni?

Qui c’è poco da far sparire, le carte sono quasi tutte nei dipartimenti.


Avete detto no ai Giochi. Quante telefonate pesanti ha ricevuto da chi voleva farvi cambiare idea?

Io non ne ho ricevute. Ma il vicesindaco Frongia sicuramente sì: lui ha la delega allo Sport.


Anche dal governo?

Chiedetelo a lui…

Nel giorno del no definitivo, ha fatto aspettare inutilmente in Comune il presidente del Coni Giovanni Malagò. Confessi, lo ha fatto apposta.

No, io quel giorno lo avevo avvertito varie volte che stavo arrivando. E mentre stavo salendo da un’altra entrata Malagò ha scelto di andarsene. Posso dolermi del ritardo, ma poteva aspettarmi.

Invece Pier Emilio Sammarco, l’avvocato per cui lei lavorava, c’è sempre negli eventi importanti a cui lei partecipa. Perché?

È stato il mio professore all’università, e il mio dominus, il capo dello studio dove lavoravo.

È un buon consigliere?

È un buon collega. E un buon dominus.

Mezzo Movimento le ha chiesto di rimuovere Raffaele Marra, ex vicecapo di gabinetto, ora responsabile delle Risorse umane. Ma lei ha fatto muro. Perché Marra è così fondamentale? E perché il M5s non si fida di lui?

Probabilmente non tutti hanno apprezzato il suo lavoro. Per quanto mi riguarda, Marra è un dirigente pubblico, e lo ho allocato nella posizione che ritengo più funzionale.

Le proteste del M5s sono ancora fortissime.

Ho preso la brutta abitudine di non leggere troppo i giornali, perché lavoro molto. E prendo con cautela quanto scrive la stampa.

Roberta Lombardi ha paragonato Marra a un virus.

Sì, la Lombardi…

È vero che Grillo le ha chiesto di rimuovere Marra?

Non mi pare.

Perché Lombardi, Taverna, Ruocco, le donne di peso del M5s a Roma, le fanno la guerra?

Dovrebbe chiederlo a loro. Ma io sono disposta a lavorare anche con loro, sui temi.

Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista dicono: “D’ora in poi oneri e onori solo per la Raggi”. L’hanno isolata?

Sottoscrivo per filo e per segno le loro parole. Io l’appoggio del M5s lo sento, da parte di tutti.

Il destino del M5s, anche in prospettiva delle prossime Politiche, dipende da lei.

Non avverto questo peso. La responsabilità è ripartita con la squadra con cui lavoro, che va anche oltre i consiglieri. Portiamo avanti lo stesso progetto.

Sta di fatto che in tre mesi avete fatto poco o nulla.

Non è vero. Per esempio, abbiamo appena trovato fondi per 9 milioni di euro da destinare ai municipi, per l’assistenza ai bambini disabili e l’assistenza sociale. E siamo sempre quelli che hanno sbloccato le assunzioni per 1100 maestre.

Erano fondi del governo.

Sì, ma si sono sbloccati grazie alle nostre pressioni e quelle di parlamentari come Silvia Chimienti. E comunque abbiamo subito dato applicazione al provvedimento.

È emergenza conti, per i vostri ritardi.

A Roma c’è da sempre. Ma noi ci siamo messi subito a lavorare, recuperando risorse. Faremo ciò che c’è da fare, nei tempi: assestamento di bilancio, e bilancio di previsione.

Sindaca, a Roma c’è ancora Mafia Capitale?

Al di là della personalizzazione su Buzzi e Carminati, Mafia Capitale rappresenta un parametro della malagestione che ha devastato Roma. E noi dobbiamo stare molto attenti perché rischia di perpetuarsi. Non deve succedere.

di Luca De Carolis e Paola Zanca

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Caso Muraro

Quell’indagine (che va e viene) sull’assessore

La vicenda giudiziaria che riguarda Paola Muraro ha dell’incredibile: non tanto per i reati contestati dalla Procura all’assessore all’Ambiente di Roma, ma per l’interesse che ha suscitato nei quotidiani nazionali. Tutti i giornali scrivono, Fatto compreso, per la prima volta dell’iscrizione della Muraro nel registro degli indagati il 4 settembre scorso. Passano due giorni e il 6 settembre, l’assessore dice chiaramente in commissione Ecomafie di sapere dell’inchiesta a suo carico dal 18 luglio. Ammette quindi di aver mentito agli elettori per mesi: i giornalisti le chiedevano continuamente dell’iscrizione e lei ha sempre detto di non sapere nulla. Da quel momento sono state pubblicate una serie di indiscrezioni sui due fascicoli di indagine in cui è coinvolta. Fino a ieri mattina, quando tutti i giornali riproponevano l’abuso d’ufficio. Notizia che è stata data anche quando l’iscrizione non era ancora formalizzata, come invece Il Fatto ha sottolineato, ammettendo l’errore. Le novità quindi erano: la formalizzazione dell’abuso d’ufficio per l’assessore e la contestuale iscrizione nel registro degli indagati anche di Giovanni Fiscon, ex direttore generale di Ama per la quale Muraro ha fatto da consulente per 12 anni. Inoltre non c’è alcun nesso con Mafia Capitale. Il Ros dei carabinieri ha intercettato Fiscon dal 28 novembre al 1 dicembre 2014. In quei giorni, ci sono 16 contatti telefonici tra Muraro e Fiscon: per lo più “squilli”. C’è poi una telefonata del 28 novembre 2014, siglata come “convenevoli”, e due chiamate “di carattere professionale” del primo dicembre 2014. Lo stesso giorno c’è un’altra telefonata che il Ros annota così: “Fiscon chiama una donna, conversazione di carattere privato”. La donna è Muraro. La conversazione è stata in parte trascritta ed è per i pm la prova di un rapporto d’amicizia tra i due che avrebbe (è tutto da dimostrare) aiutato l’assessore a ottenere consulenze dall’Ama. Non c’è quindi alcun collegamento tra Muraro e Mafia Capitale. L’esistenza di questi contatti era stata rivelata dal Fatto il 7 settembre. Ma due giorni fa, il 29 settembre, sui giornali sono tornate di moda le conversazioni Muraro-Fiscon, e ieri, la notizia (data anche dal Fatto) dell’abuso d’ufficio.

La Cattiveria

La Cattiveria del 01/10/2016

Politica

I primi tre mesi

Chi sono i candidati targati M5S
Politica
Poltronissima

Chi sono i candidati targati M5S

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×