Transizione (poco) ecologica

Nuova economia ok, ma l’inquinamento?

Emergenze - L’Europa è popolata da ‘zone di sacrificio’ in cui si concentrano le industrie contaminanti, laddove le comunità locali sono soggette al ricatto occupazione-salute. L’Italia ne è costellata, il Pnrr ne deve tener conto

Di Linnea Nelli, Andrea Roventini e Maria Enrica Virgillito
15 Dicembre 2022

Attuare politiche per la transizione ecologica è una necessità per tutti i Paesi. Ma se il processo avvenisse unicamente sotto il profilo produttivo, senza essere accompagnato da una transizione sociale che richiede interventi di politica economica, potrebbe esacerbare vulnerabilità e disuguaglianze esistenti. Perché la transizione ecologica sia giusta, occorre che un processo verso la neutralità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui