I GESSI ROSSI IN TOSCANA 9 minuti

Dove inquinare è a norma di legge

I gessi rossi, prodotti nella piana di Scarlino, in provincia di Grosseto, si ottengono unendo i fanghi rossi, scarto di produzione del biossido di titanio, con la marmettola. Secondo la Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, inquinano i terreni e le falde ma un cortocircuito normativo continua a consentirlo

Di Pietro Mecarozzi
30 Giugno 2022

I gessi rossi si ottengono unendo i fanghi rossi, scarto di produzione del biossido di titanio, con la marmettola (scarto di lavorazione del marmo di Carrara) in qualità di stabilizzante. Per ogni tonnellata di biossido di titanio, prodotto in Italia nello stabilimento di Scarlino, in provincia di Grosseto, si generano sei tonnellate di gessi rossi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui