L'enclave russa 12 minuti

Transnistria, viaggio nella terra di nessuno

Le griffe della moda per anni hanno prodotto giacche e piumini nello Stato fantasma al confine tra Moldavia e Ucraina, una zona franca delle mafie per traffico di armi, droga e riciclaggio. È qui che negli ultimi giorni ci sono stati attacchi ed esplosioni

Di Lorenzo Giroffi e Andrea Sceresini
5 Novembre 2021

Giuseppe Iorio è un ex responsabile di produzione in importanti case di moda in Italia. Quando era dipendente delle aziende di abbigliamento, gli è stato commissionato di delocalizzare molte produzioni, soprattutto nell’Est Europa. “Mi sono licenziato – ha raccontato – perché nell’arco di tre settimane, 40-50 aziende italiane si sono trovate senza lavoro”. Da qui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.