Caso trojan Rcs: gli indagati delle Procure di Napoli e Firenze salgono a quattro e al reato iniziale – frode nelle pubbliche forniture – si aggiunge quello di acceso abusivo a un sistema informatico. L’inchiesta congiunta di Napoli e Firenze può avere ripercussioni devastanti: se dovesse essere provato che le procure italiane alle quali Rcs […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Fininvest esce da Mediobanca: ceduto il 2%

next