Petrolio e nucleare, trivelle e rifiuti radioattivi. La Basilicata si prepara all’ennesima sfida. Sogin, la società pubblica un tempo di Enel, l’ha inserita nella Cnapi, la Carta nazionale aree potenzialmente idonee per la realizzazione del deposito unico nazionale dei rifiuti radioattivi. I metri cubi da destinare sono circa 100mila. La scelta al momento ricade su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Fatto di Domani. Regioni in rivolta contro il coprifuoco alle 22. E la Lega tiene il governo appeso a un filo. Berlusconi querela il Fatto e perde

prev
Articolo Successivo

Gli Stati Uniti e il Giappone provano a fare asse sulla lotta al cambiamento climatico

next