Lo stadio dell’As Roma si farà. Non a Tor di Valle, ma “si farà”. E sarà “verde”, “Covid sostenibile” e “popolare”. Dopo la notizia choc sull’addio al discusso progetto avviato nel 2012 dall’ex presidente James Pallotta con il costruttore Luca Parnasi, il club giallorosso è ora impegnato a tamponare la delusione dei tifosi. La società […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Diritti Serie A, fari accesi sul numero 2 di Sky Italia

prev
Articolo Successivo

Pechino rieduca Hong Kong. A scuola il pensiero unico

next