Tutela ultimo atto, protagonista la Sicilia. È quel che sta accadendo con un decreto del 30 novembre scorso, pomposamente chiamato “Carta di Catania”. Con la quale l’assessore ai Beni culturali Samonà ha deciso che “i beni culturali appartenenti alla Regione Siciliana che si trovano custoditi nei depositi regionali potranno essere valorizzati attraverso l’esposizione in luoghi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Brexit, ora l’intento è limitare i danni di un mancato accordo

prev
Articolo Successivo

Né in sala né in tv: ai film non resta che piangere

next