Qualche dubbio nel Comitato tecnico scientifico l’avevano, preferivano che il tampone antigenico rapido fosse utilizzato nelle scuole solo per lo screening. Invece il ministro Roberto Speranza ha deciso, insieme al direttore della Prevenzione del ministero, il professor Giovanni Rezza, di fare un passo in più. “In caso di sospetto diagnostico ovvero in caso di esposizione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Campania e Liguria: reparti con 10 giorni di autonomia

prev
Articolo Successivo

Genoa-Napoli, i tamponi “girevoli” fanno litigare i prof. Ma per ora si gioca

next