La violenza della polizia colombiana nei confronti degli attivisti per i diritti umani e delle fasce più deboli della popolazione è un fatto acclarato da decenni. Ogni pretesto è buono per esercitare una forza sproporzionata e bruta. È successo ancora, nella Capitale Bogotá, e la scusa questa volta è stata la pandemia. La popolazione della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Pace fra Kabul e talebani: sono le donne a rischiare

prev
Articolo Successivo

Lacerenza, il “milionario” con due Marchi nel motore

next