Blocchi enormi di cemento che si staccano dal soffitto della galleria Bertè, sulla A26 in direzione sud, appena dopo Masone. Atterrano sulla corsia centrale. E solo per un caso non colpiscono veicoli e non feriscono – o uccidono – viaggiatori incolpevoli. Dopo il crollo del ponte Morandi sulla A10 e quello del viadotto Madonna del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Esame orale”: la Lega scatena la Bestia contro Lucia Azzolina

prev
Articolo Successivo

La prof No Tav finisce in cella a 73 anni

next