“Bisogna lavorare tutti i giorni, tante cartelle per questo e quello e quell’altro, fino a far pari, anche la domenica. Se ti ammali non hai mutua, paghi medico e medicina lira su lira, e per di più non sei in grado di produrre, e ti trovi doppiamente sotto”. Quasi sessant’anni dalla Vita agra di Luciano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Altro che Donbass, quello che conta è il gas

prev
Articolo Successivo

“Ko De Mondo”: 25 anni fa, il rock da cui tutto partì

next