Finora le vittime sono pochine. Dal 2015 quando l’allora presidente del Senato Piero Grasso decise di revocare il vitalizio ai condannati per reati di particolare gravità (con pene superiori a due anni) i casi arrivano appena a 10. Gli ultimi a perderlo sono stati Roberto Formigoni condannato in via definitiva a 5 anni e ora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Senato: la rivolta di intoccabili e indagati contro i tagli ai vitalizi

prev
Articolo Successivo

Conte arriva al Copasir, la Lega gli fa il processo

next