Bello l’ambiente, a parole. Meno quando la sua difesa richiede finanziamenti e azioni che indeboliscono gli interessi di alcune categorie e quando bisogna affrontare trattative per trovare il giusto equilibrio senza rimangiarsi i buoni propositi. Tradotto in dinamiche politiche, questo significa che il decreto su clima e ambiente che sarebbe dovuto andare in Consiglio dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tutte le altre “scatole”: Eyu chiude per guai, ma pronte due nuove

prev
Articolo Successivo

“Se col Green New Deal falliremo, gli ultimi saranno sempre ultimi”

next