In questi giorni, Caf e commercialisti stanno inoltrando le ultime dichiarazioni dei redditi all’Agenzia delle Entrate. Ma già dall’inizio dell’anno spot televisivi, radiofonici e social sono stati messi in campo dalle principali confessioni religiose per accaparrarsi le simpatie dei contribuenti e i cospicui finanziamenti dello Stato destinati alle chiese ufficialmente riconosciute. Il numero dei contribuenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Email, tweet, tante foto e selfie. E il ministro dice: “Savoini chi?”

prev
Articolo Successivo

Le nuove vite degli ex. Come si cambia senza più la politica

next