Dopo il doppio attacco kamikaze di giovedì 27 giugno a Tunisi e il ricovero in ospedale del presidente Beji Caid Essebsi, la resilienza dei tunisini ha messo in evidenza, otto anni dopo la rivoluzione, la debolezza delle istituzioni e il divario esistente tra il popolo e le élite politiche. Tunisi. È bastata una foto per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Zero omicidi e stupri: quanto fa bene la “teologia della terra” degli indios

prev
Articolo Successivo

L’Eldorato dell’accoglienza brilla sulle porte d’Italia

next