Partiamo da un’amara verità: quando un negoziante si rifiuta di cambiare un prodotto acquistato in saldo ha ragione; la legge glielo consente. La vendita in saldo è, infatti, coperta dalle stesse garanzie previste per le vendite ordinarie. E non esiste nessun obbligo per il commerciante di sostituire la merce che non presenta difetti. Il negoziante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Urus, tutti i colori di Lamborghini: “La nuova via”

prev
Articolo Successivo

Due disegni di legge 5S per colmare il gap

next