Il giorno del “giudizio” si è concluso, come previsto, con la vittoria schiacciante di Nea Demokratia. Ma i greci non hanno condannato all’inferno Syriza – nè il resto della sinistra – che, rispetto al risultato delle recenti europee, è risalita di numerosi punti percentuali, confermandosi saldamente il secondo partito del Paese . “La possibilità di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Alex e Alan Kurdi, sbarcano i migranti

prev
Articolo Successivo

La direzione degli scavi: “Bonifiche effettuate”

next