Molte sono le eredità della vicenda del Salone del Libro su cui continuare a riflettere: dalla conclamata ignavia degli editori (contestata dall’interno: le Edizioni del Gruppo Abele sono clamorosamente uscite dall’Associazione Italiana Editori, per esempio), all’imbarazzante paralisi del ministero per i Beni culturali, titolare del ‘marchio’ del Salone. Su tutto, meno male, il risultato finale: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

Non si può vivere un’intera vita senza un ideale

next