Nell’ultima seduta della legislatura, l’Europarlamento approva la direttiva per proteggere chi rivela scandali. Ma Assange che l’ha ispirata è in manette

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

È arrivato il conto

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mannelli

next