Un vitalizio da 5 mila euro al mese, un’auto, le spese di campagna elettorale, cene, computer e telefonini. L’ex presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano (Forza Italia), finito in carcere ieri mattina, costava caro. Faceva favori grossi, aggiustava appalti, concedeva autorizzazioni, ma a un prezzo esoso. È quanto è emerso dall’inchiesta denominata “T-Rex” condotta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Truffa a Rfi: “piazzavano” terriccio a rischio amianto per i terrapieni ferroviari

prev
Articolo Successivo

Alternanza scuola-poligono. L’Istituto annulla tutto dopo la denuncia del “Fatto”

next