Sfrecciano per le strade della Capitale per salvare la vita di quanti chiamano il 118. Lavorano con i migranti nei centri di accoglienza. E poi si occupano di servizi ambulatoriali, assistono chi vive in strada e organizzano corsi di formazione e servizi alla persona di ogni sorta. Da mesi però il loro lavoro non viene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Francesco Zanardi, il “cacciatore” di preti pedofili: “Stuprato da un sacerdote. Ora potrò guardare il Papa negli occhi”

prev
Articolo Successivo

Senza strada da 13 anni, il sindaco chiede aiuto ai vip: “Martin Scorsese, dacci una mano tu”

next