Per convenzione, sui mercati finanziari si identifica una “correzione” ogni volta che gli indici arretrano di almeno il 10% dai massimi, mentre un bear market viene identificato quando il ritracciamento è di almeno il 20%. Proprio quello che sta accadendo a quasi tutti i maggiori indici azionari mondiali. Al netto delle convenzioni di misurazione, nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Chirurghi terrorizzati dalle cause legali

prev
Articolo Successivo

Sovranismo vuol dire morte, bisogna “sconfinare” sempre

next